https://www.gobiker.it?p=24265
per informazioni: Go Biker S.r.l.
via Buonarroti ang. via Canale, 22 - 60125 Ancona
Tel. 0712089301 -

Dal 20 Agosto 2021

Al 20 Novembre 2021

26.000 km lungo la Panamericana

Un avventura lunga un intero Continente

1° giorno

1° - 9° giorno: 20 - 28 agosto Da Anchorage fino a Seattle - Km 3.700

Il 20 Agosto partiremo in volo dall’ Italia per iniziare la grande avventura delle Transamerica con prima tappa ad Anchorage dove sosteremo per due notti e avere tutto il tempo necessario per ritirare le nostre moto arrivate dall’ Italia.
Ci spingiamo nella natura incontaminata dell’Alaska percorrendo le 300 miglia che ci porteranno ai confini dello Yukon a Tok, prima di entrare nel nord del Canada. Percorreremo in pieno la mitica
US 1 o Panamericana attraversando Destruction Bay sulle rive del lago Kluane, Whitehorse per poi arrivare a Watson Lake. Dai territori dello Yukon entriamo nella sconfinata British Columbia fino a raggiungere Meziadin Junction e proseguire per Price George e infine Kamloops ultima città del Canada prima di entrare negli Stati Uniti d’America, a Seattle , la città di Smeraldo, dove sosteremo un giorno per fare manutenzione alle nostre moto avendo già percorso quasi 4000 km.

2° giorno

10°- 20° giorno: 29 agosto – 08 settembre Seattle – San Diego - Km 3.600

Dopo aver approfondito la visita della Emerald City, Seattle, con il suo Historic Downtown con Pioneer Square, il Farmer’s Market, la Space Needle e l’Experience Music Project prosegue la nostra marcia verso sud. Prima ad ovest di Seattle attraversando lo spettacolare Olympic National Park fino a Fork. Proseguiamo lungo la meravigliosa costa dell’Oregon, lungo la Pacific Coast Highway, passando Astoria e le Gold Beach famose per essere state il cast del film “The Goonies” per raggiungere poi la California dove ci fermeremo subito due giorni per godere del fascino di San Francisco. Ma non godremo solo della Costa degli USA: da San Francisco ci dirigiamo ad est per attraversare prima lo Yosemite National Park fino a raggiungere Mammoth Lake e poi la mitica Death Valley attraverso Furnace Creek e Zabrinski Point ci porterà fino a The Fabolous Las Vegas. L’ Arizona ci aspetta con lo spettacolo del Grand Canyon dove ci godremo il suo tramonto e il cielo stellato per poi scendere tra deserti e Saguaros fino a Phoenix…e di nuovo California con la splendida baia di San Diego per l’ultima notte negli USA….

3° giorno

21° - 32° giorno: 09 - 20 settembre Baja California e Sud del Messico - km 4.320

Lasciamo San Diego presto al mattino e dopo pochi km siamo alla frontiera col Messico, a Tijuana Dopo le procedure d’ingresso si prosegue diretti fino ad Ensenada da dove cominceremo la nostra discesa lungo tutta la Baja California. Circondati dal blu dell’Oceano percorreremo la Mexico Highway 1, lasciandoci alle spalle le caotiche città di confine e, passando attraverso Bahia de Los Angeles, San Ignacio e Loreto arriviamo La Paz da dove il 14 settembre ci imbarcheremo per la notte in traghetto che ci porterà nel Messico continentale a Mazatlan. Una volta sbarcati partiremo per l’interno del Messico fino a raggiungere Guadalajara, storica città dalle antiche origini spagnole. Proseguiremo passando sopra Città del Messico fino a Puebla vivace e colorata cittadina che ci apre la via verso le meraviglie dello Yucatan. Da Puebla ci avviciniamo al cuore del Chapas arrivando prima a Oaxana nei cui pressi si trova l'importante sito archeologico di Monte Albán, per poi giungere a S. Cristobal de Las Casas che risale al 1528 e fu una delle prime città fondate degli Spagnoli. Si prosegue fino a Palenque con sosta per l'escursione alle cascate di Agua Azul. Sosteremo due giorni a Palenque per goderci le meraviglie del Sito Archeologico di Palanque, tra i più famosi e meglio conservati al mondo. Il confine col Guatemala ci aspetta…

4° giorno

33°- 43° giorno: 21 settembre – 01 ottobre America Centrale – km 2.900

Nei pressi di El Caibo attraversiamo la frontiera con i Guatemala, all’interno della Riserva Naturale della Sierra del Locandon per arrivare subito a Flores sulle sponde del Lago Itza.
Affacciandoci sulle rive del Golfo del Messico, la strada che attraversa le foreste Guatemalteche ci conduce fino a Puerto Barrios, avamposto prima della frontiera con l’Honduras che attraverseremo inerpicandoci tra le catene Montuose e le sierre fino a Comayague piccolo villaggio nel cuore del Paese. Proseguiamo in direzione Teguchicalpa per deviare verso nord est e attraversare il Parco National de La Tigra. Arriveremo al El Paraiso piccola città prima della frontiera con il Nicaragua. Dopo la frontiera via verso il Sud del Nicaragua fino ad arrivare sulle sponde del Lago Cocibolca e proseguire fin sulle Sponde dell’ Oceano a San Juan del Sur. Raggiungeremo il Costa Rica fino ad arrivare a Tamarindo attraverso il Parco Nazionale Guanacaste. Ci godremo un giorno di sosta a Tamarindo, una delle destinazioni più belle della penisola, le sue spiagge lunghe e incontaminate circondate da splendidi paesaggi naturali.
L’ avventura prosegue verso Panama attraversando Playa Espadilla nei pressi del parco Manuel Antonio e 200 km ci separano alla frontiera con Panama, l’ultimo stato del Centro America che attraverseremo prima di cominciare la meravigliosa discesa nel continente Sud Americano. Arriveremo attraverso strade immerse nella giungla a Las Lomas (David) e infine Panama City, capitale dello Stato omonimo per la nostra ultima tappa prima del Veliero che ci porterà in Colombia, da Port Carti sulle sponde di Panama.

5° giorno

44° - 55° giorno: 02 -13 ottobre Colombia e Ecuador – Km 3.000

Alle 08:30 del 02 Ottobre salperemo da Carti per cominciare la navigazione prima verso l’arcipelago di San Blas dove ci fermeremo a Coco Banderos Island per pranzo e cena godendoci il mare cristallino di quest’ isola. Dopo la cena a bordo a base di aragosta riprenderemo la navigazione. Dopo due giorni di navigazione tra le 20:00 e le 23:00 arriveremo al Porto di Cartagena e pernottamento a bordo attraccati al molo. Il giorno 04 ottobre alle 06:00 sbarcheremo le moto e noi per dirigersi insieme alla dogana per le operazioni burocratiche. Entro le 12:00 saremo in grado di entrare in Colombia e dirigerci in centro a Cartagena.
Il continente Sud Americano ci aspetta…e ci inoltriamo nel cuore della Colombia attraversando una vasta area di fiumi e laghi fino a raggiungere Santa Cruz de Mompox. Quasi al confine col Venezuela ci dirigiamo verso Bucaramanga, importante centro per la produzione del tabacco di tutta la Colombia e la sua famosa Cattedrale de La Sagrada Famiglia. La strada prosegue seguendo il corso del Fiume Magdalena raggiungiamo Honda, importante città nel passato come unica via di comunicazione tra la costa caraibica e Bogotà. Proseguiamo per Cali nel nostro incedere verso sud per poi superare Pasto ai piedi del Vulcano Galeras a circa 2600 mt. Dopo Ipiales e per visitare il Santuario di Las Lajas e dopo 30 km entriamo in Ecuador fino a raggiungere la Capitale, Quito, ai piedi delle Ande. Prima di arrivare in Perù passiamo attraverso Cuenca attraversando le Ande Ecuadorene, il cui centro storico è inserito tra i siti Patrimonio dell’ Unesco. Ci fermeremo a Macarà piccola cittadina di frontiera con il Perù.
Verso la Bolivia fermandoci a Puno sulle sponde del Lago Titicaca dove vivono gli Uru nelle loro isole galleggianti che potremo visitare se ci arriveremo in tempo.
Dopo Puno, la caotica e affascinante La Paz che avremo modo di visitare sostando due notti per percorrere la “ruta de los Yungas”, piu’ tristemente conosciuta con il nome di “la Carretera de la Muerte”. E ora dritti fino ad uno dei posti più spettacolari al mondo: il Salar de Uyuni. Anche qui due notti di sosta per godercene le meraviglie che il Lago Salato ci offre.
Lasciamo infine la Bolivia per arrivare, dopo aver attraversato la frontiera con l’Argentina, nella città di frontiera di La Quiacia,

6° giorno

70° - 92° giorno: 28 Ottobre – 19 Novembre Patagonia – Km 7.900

Inizia l’avventura finale del nostro grande viaggio. La sconfinata Patagonia ci attende. Passeremo dal deserto al verde del nord della Argentina, percorreremo la mitica Ruta 40 nella sua parte piu’ bella e affascinante, in mezzo a colline, montagne, colori e vegetazione che cambieranno km dopo km restando stupefatti per la bellezza unica di questi posti. Fino a Cafayate e poiS. Fernando Del Valle Catamarca e San Jose Jachal attraverso scenari da Far West per giungere nella bellissima Mendoza (considerata una delle città più belle dell’Argentina).
E da qui in poi, dritti nel cuore della Patagonia verso Ushuaia… S.Carlos De Bariloche e Futalefu entrando in Cile. Dopo Futaleufu, ripresa del viaggio attraverso quella che può essere considerata una delle più belle strade del Sudamerica, la mitica “Carretera Austral”, la grande via di comunicazione fatta costruire da Pinochet per scopi militari e per unire il nord al sud del paese…..
Rimaniamo lungo le sponde del Lago General Carrera per rientrare in Argentina e fermarci subito dopo la frontiera a Los Antiguos. Tra asfalto e strade sterrate arriviamo a Gobernador Gregores e poi lungo le sponde del fiume Rio de la Vueltas fino ad arrivare nel piccolo paese di El Chalten. Siamo nel cuore del Parco Nazionale Los Glaciares, alla base delle montagne Cerro Torre e Cerro Chaltén. Sosteremo due notti per goderci le meraviglie paesaggistiche che Los Glaciares ci offre. Da El Chalten fino all’imperdibile Perito Moreno, vicino alla città di Calafate, dove passeremo due notti ai piedi del Fitz Roy sul lago Viedma. Raggiungeremo il Parco Nazionale Torres del Paine, uno dei luoghi piu’ affascinanti del pianeta, meta di turisti ed escursionisti provenienti da ogni parte del mondo che ci rapira’ con la sua bellezza unica.
Attraverseremo finalmente lo Stretto di Magellano e dopo aver attraversato la Terra del Fuoco, rientreremo in Cile per arrivare a Cerro Sombrero, l’ultima tappa prima di raggiungere Ushuaia, la Fin del Mundo. Pernottamento.
Lasciamo Cerro Sombrero e ci dirigiamo verso Ushuaia su strada asfaltata. partiamo lungo il lago Fagnano e su nella spettacolare catena Darwin, oltre il passo di Garibaldi per raggiungere finalmente Ushuaia. Avremo modo di riposarci un giorno dopo 3 lunghi mesi di viaggio e potremmo visitare il Parco Nazionale di Lapataia o per la visita della Prigione, divenuta un museo, o vedere le colonie di pinguini.
Lasciata Ushuaia, attraverso Rio Grande, dopo due giorni arriveremo a Punta Arenas Riconsegna delle moto per il carico e la spedizione di ritorno in Italia.
Il 18 Novembre prenderemo il nostro volo per rientrare in Italia…

Quote per persona, a partire da:

Note

Quote individuali di partecipazione, a partire da:

 

Prezzo per persona  In camera doppia
Quota di partecipazione pilota moto In via di definizione
Quota di partecipazione passeggerp In via di definizione
Quota volo intercontinentale € 2.000,00 tasse incluse
Supplemento singola Da definire


Cerca l'agenzia più vicina a te

Altri viaggi che potrebbero interessarti
Articoli che potrebbero piacerti

E fu così che ci ritrovammo a mangiar moscioli dall’altro capo del mondo, cucinati da un Anconetano D.o.c.!

Sono le 7 di mattina, aria frizzantina e serbatoio pieno. Accendiamo e via. Passiamo il confine e finalmente arriviamo in Ungheria. Un territorio molto vasto, strade poco trafficate ed un lago gigante in mezzo alla pianura. Decidiamo di iniziare partendo dal lato sud, cioè dalla cittadina di Marcali e risalendo per la provinciale in direzione Budapest. Questa parte del paese è abbastanza turistica, essendo piena di spiagge che d’estate attira numerosi turisti per lo più tedeschi ma anche molti ungheresi. Durante la nostra prima giornata di viaggio si susseguono diversi paesini, tutti con il suffisso Balaton- nel nome.

Non perderti le nostre offerte!

Espressione del consenso al trattamento dei dati personali: Procedendo con la compilazione e con l'invio di questo modulo, Lei acconsente al trattamento dei dati personali da Lei forniti per la finalità e nei limiti indicati nell'informativa privacy del sito, ai sensi e per gli effetti del Regolamento (UE) 2016/679 (GDPR).

Go Biker S.r.l.
via Buonarroti ang. via Canale, 22 - 60125 Ancona
P.IVA, CF 02768400422 R.E.A. AN 213634
Capitale Sociale € 10.000
Premio Turismo responsabile Italiano 2011
Continua a seguirci su